Mercury Meltdown Remix

PS2
Data di uscita: 29 Novembre 2006
Sviluppatore: Ignition Entertainment
Editore: Ignition Entertainment

Panoramica

Il fascino di una massa metallica che scivola lungo un piano senza sfaldarsi, unito alla geniale semplicità di un gioco d'epoca in cui una sfera di metallo doveva esser condotta al termine di un percorso pieno di buchi, ha dato origine ad uno dei giochi di maggior successo per PSP: Mercury appunto che in questa versione arriva su PS2.

Lo scopo del gioco consiste nel "pilotare" una massa di mercurio inclinando il piano su cui è posata in modo da farla giungere ad un traguardo; lungo la strada, la bolla incontrerà diversi ostacoli, e più di una volta si scomporrà in masse più piccole o perderà grammi preziosi che si staccheranno solo per cadere nel vuoto. Gli obiettivi saranno comunque fondamentalmente tre, vale a dire completare il percorso entro un tempo massimo, salvare il 100% del mercurio e raccogliere lungo la strada tutti i "bonus" disseminati.

Graficamente, MMR si avvale di un ottimo motore in Cell-Shading, con ambienti ed elementi tutti pregevolmente dettagliati ed un gran numero di effetti di luce ed ombra. I fondali su cui il tracciato è costruito sono fissi e bidimensionali e si fanno apprezzare per la cura nei dettagli e nei colori. Ma naturalmente quella che fa gridare al miracolo per perfezione di realizzazione è la nostra amica bolla di mercurio, che si muove sul tracciato in maniera estremamente realistica, si adagia sui muri con una morbidezza ineguagliabile, si deforma contro gli ostacoli e si divide con una plasticità incantevole.

La realizzazione tecnica ricca di particolari di alto livello, lo studio dei livelli con una difficoltà crescente molto ben calibrata, e il gran numero di party-game lo rende un vero must per tutti gli amanti di puzzle game che non disdegnano una fetta di azione millimetrica nei loro ragionamenti.

Anteprima

Mercury Meltdown

I becchi Bunsen sono pronti: si torna in laboratorio con Mercury Meltdown per PSP.

Archer Maclean's Mercury è stato uno dei titoli per PSP di maggior successo. Spostare gocce di mercurio lungo un labirinto in 3D evitando bordi e mostri che scaldano il mercurio si è rivelato incredibilmente divertente: Mercury è riuscito a combinare le caratteristiche dei platform e dei puzzle in modo perfetto per il formato portatile. Inoltre, il gioco ha riscosso un incredibile successo di pubblico e di critica. Era naturale, dunque, che dovesse uscire prima o poi un sequel e, a giudicare dalle prime immagini, sembra davvero fantastico.

Gli sviluppatori, infatti, hanno scelto saggiamente di non cambiare troppo la formula vincente. Lo scopo è sempre lo stesso: trasportare al traguardo più mercurio possibile, risolvendo intricati rompicapi e facendoti strada tra i labirinti. Comunque, per migliorare ancora di più l'ottimo prodotto di partenza, sono state inserite un po' di modifiche.

Innanzitutto, la grafica. Allontanandosi dal realismo del primo Mercury, Meltdown presenta uno stile cartoonesco particolarmente adatto al tema della fantascienza anni '50.

Altre novità di Mercury Meltdown riguardano invece i modi in cui si possono raggiungere gli obiettivi. I livelli presentano ora diversi tipi di superficie, dai terreni appiccicosi che rallentano il mercurio a quelli scivolosi che, al contrario, ne fanno aumentare la velocità a scapito del controllo.

Sono presenti anche nuovi oggetti: il tuo amichetto Stan, ad esempio, una faccina sorridente dentro un blocco di spugna che puoi lanciare lungo i labirinti per attivare gli interruttori. Altra novità è lo Huebrick, un mattoncino colorato che puoi spingere nei vari livelli e che ti sarà indispensabile per risolvere alcuni enigmi diabolici disseminati negli oltre 160 livelli del gioco.

Per quanto abbiamo visto finora, Mercury Meltdown sembra proprio il sequel perfetto; mantenendo tutti i punti forti dell'originale, migliora il suo predecessore in modo divertente e originale. Continua i tuoi esperimenti su yourpsp.com e preparati per un collaudo non appena riusciremo a procurarci una copia di questo titolo esplosivo.


Condividi

Google+